Junker: l’app che fa la differenziata e la differenza

Black Friday
Black Friday: il venerdì nero americano approda nel Terzo Municipio
19 novembre 2017
Piscine ex G.I.L.
L’oblio delle piscine abbandonate nell’ex G.I.L. di Viale Adriatico
20 novembre 2017
Logo Junker

Pensata da un gruppo di ingegneri, un aiuto a portata di smartphone per gettare i rifiuti al posto giusto

Tra le tante iniziative per sensibilizzare e facilitare i cittadini alla differenziazione dei rifiuti, una ha catturato la nostra attenzione. Si tratta di Junker l’applicazione per smarthphone che aiuta a fare la raccolta differenziata. Creata da Giunko, una società di ingegneri che viaggiando molto per lavoro si trovavano in difficoltà sulla divisione dei rifiuti.

JUNKER-marchio-cmyk

Un ostacolo a cui in tanti devono far fronte, e che specialmente in periodo di vacanze può mettere in crisi i turisti. Oltretutto alcuni Comuni, specialmente del Nord Italia, sono (giustamente) molto fiscali. La superficialità nel differenziare può far incorrere multe e sanzioni. Quindi per evitare dilemmi amletici e fastidiose multe, ecco Junker! L’app è facile, comoda e veloce e come viene pubblicizzato sul sito, “fa parlare i prodotti”.

Riesce infatti a riconoscere, attraverso il codice a barre, la composizione dell’articolo, le sue materie prime e scomponendole indica in quale bidone andrà gettato. Insomma una soluzione facile e veloce in caso dubbio. L’app inoltre, grazie alla geolocalizzazione, risponde alle regole del Comune dove ci si trova. Quindi anche durante un viaggio permette di rispettare le regole della differenziata in qualsiasi luogo.

Addirittura nei Comuni in cui è in uso la raccolta “porta a porta”, l’app, collegata al calendario del telefono, avverte quando si avvicina il giorno in cui va esposta la spazzatura. Insomma decisamente un’ottima idea per agevolare la differenziazione. Più facile di così!

Federica Capati
Federica Capati
Classe 1993, diploma scientifico, studentessa di Giurisprudenza all'Università la Sapienza di Roma. Dall'aprile 2016 collabora con il mensile La Quarta. Ama scattare foto, scrivere e viaggiare.

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi