Il fumetto ‘in grande stile’: inaugurata la nuova mostra targata Repubblica XL

IMG_20180202_201802
Bilancio Partecipativo sul verde, i cittadini rispondono (ancora) presente
2 febbraio 2018
locandina
La bisbetica in-Domata: la recensione dello spettacolo di Marco Belocchi
8 febbraio 2018
Mostra Repubblica XL

Le emozioni e le parole durante la presentazione della rassegna dedicata ai comics nel rinnovato hub culturale di Trastevere

‘Le favole per gli adulti’, come ama denominare i fumetti il genio Marvel Stan Lee, di connotazione italiana sono diventate cimeli da museo, grazie alla lungimiranza di Repubblica XL che le ha tradotte in una speciale mostra in partenza dal 4 Febbraio,in collaborazione con Progetto ABC e ATCL Lazio . Un appuntamento speciale per gli appassionati del fumetto – tradotti nella serata inaugurale del 3 Febbraio in un assembramento di gente adulta, nonostante la velata mission editoriale rivolta ai giovani – che potranno rivivere ‘gli anni ruggenti’ del famoso mensile mainstream che ha scardinato i muri dell’underground, tra il 2005 e il 2013, fino al 2 Aprile,  attraverso visite o masterclass.

Spazio prescelto, il ‘redivivo’ Ex Gil, chiamato con vocazione internazionale WeGil, che torna alla ribalta dopo 36 anni dalla chiusura, grazie alla Regione Lazio con Artbonus e gestito da LazioCrea, offrendo servizi ibridi tra arte e food . “Una riapertura voluta fortemente dalla Regione per promuovere le eccellenze italiane”, ha dichiarato il Presidente uscente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, che si è soffermato sul focus della mostra, il fumetto associandolo a strumento di arricchimento culturale. “Bisogna dare dignità e vicinanza a tutte le forme creative che ci accompagnano nel corso della vita”, ha sollecitato nel discorso inaugurale, mettendo in evidenza i segni della “rinascita del consumo fumettistico, grazie alla forza identitaria di trasmissione di un messaggio e di relazioni”. Gli stessi legami che, a parere del Presidente uscente della Regione, “sono sicuramente migliori dei contatti”, alludendo all’uso sempre più massiccio della rete.
Repubblica XL (2)

Tra le opere esposte dei 26  autori che hanno partecipato in maniera continuativa o come special guest alla rivisita, emergono sfaccettature differenti, con una forza attualizzante e un linguaggio popolare che colpisce fin da subito i visitatori. “La varietà di stile è la cosa più bella”, ha dichiarato ai nostri microfoni il giornalista curatore della mostra Luca Raffaelli, a cui ha fatto eco l’altro responsabile, il fumettista Alberto Corradi, che ha voluto sottolineare il background della mostra:“è un progetto partito 1 anno fa, con la realizzazione, insieme a Diavù e Massimo Giacone  di XL Comics, di un volume integrativo di 500 pagine con tutti i fumetti realizzati in questo arco temporale”. Un “ritorno al passato”, secondo il co-curatore, “necessario per ritrovare gli elementi caratterizzanti”, apparentemente persi nella fretta della lavorazione in serie.

Dai ‘fogli di carta’ (anche acquistabili alla cassa), insomma, Repubblica XL è passata alla trasposizione sui muri dello storico palazzo di Largo Ascianghi. Sopra di essi, infatti, spiccano le biografie di ogni artista, da Zerocalcare a Hurricane fino allo stesso co-curatore Alberto Corradi, accanto a parti originali o emblematiche riproduzioni ad alta definizione, a seconda della tecnica del fumetto. “Quadri” perlopiù a colori, salvo i tradizionali lavori in b/n, che si alternano sulle varie pareti del piano terra del WeGil, divenendo ponti immaginari verso altre realtà.

 

Maggiori informazioni: www.wegil.it

Foto: Giorgio Immarrata
Interviste: Luca V. Fortunato, Valerio Rossi

© Riproduzione Riservata

 

Luca V. Fortunato
Luca V. Fortunato
Nato con la 'penna' all'ombra del Colosseo, sono un aspirante giornalista, in procinto di diventare pubblicista grazie a La Quarta. Accanto alle cronache del mio Municipio, alterno le mie passioni per la musica e il calcio, scrivendo per alcune testate online (SuperNews e L'Isola che non c'era), senza dimenticare il mio habitat universitario. Lì ho conseguito una laurea triennale in Comunicazione a La Sapienza e scrivo per il mensile Universitario Roma. Frase preferita? "Scrivere è un ozio affaccendato" (Goethe).

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi