Elezioni III Municipio, Caudo scende in campo nel nome della speranza civica

piazzasempione-860x450_c
La primavera nelle urne: ecco l’arco temporale per il ritorno al voto nel III Municipio
21 marzo 2018
Caudo

Si vociferava da giorni ed ora arriva l’ufficialità, proprio dalle sue parole: Giovanni Caudo si candiderà come Presidente del III Municipio nel segno della sperimentazione e dell’imprevedibilità. Infatti la discesa in campo dell’ex Assessore della giunta Marino, annunciata durante il comizio di ieri mattina a Piazza Conca D’Oro,  sgretola ancora una volta la fragile unità del centrosinistra, che, fino ad una settimana fa, sembrava aver fatto quadrato a fatica  (nonostante i malumori della minoranza) nei confronti di Paola Ilari.

“Se il mio profilo è considerato di aiuto”, spiega l’urbanista romano, “procediamo in questa direzione e diamo vita alla costruzione di un ‘collettivo politico per Roma’, un luogo centrale dove si possono ritrovare tutti”. Un’idea di cooperazione, nata da un appello firmato da vari intellettuali e politici romani di spicco, che raduna pure le anime inquiete della sinistra, da LeU a Sinistra Italiana fino ai nostalgici di Marino e alla minoranza in disaccordo con la Ilari, e che potrebbe protrarsi fino alla sfida nelle primarie del 28 Aprile contro la segretaria municipale del PD. Il condizionale resta d’obbligo poiché non sono state ancora sganciate riserve su questa ipotesi dall’interessato, lasciando ancora il PD romano appeso ad un filo, tra scissione e coesione.

Nel frattempo Giovanni Caudo organizzerà un’assemblea politica per elaborare un “percorso con tutti quelli che ci vogliono stare, tutti, ma proprio tutti”. Si punta dunque ad un profilo trasversale per il centrosinistra, dunque, per evitare un’altra spaccatura che, guardando alle scorse elezioni di Ostia, produrrebbe solamente una dispersione di voti.

Luca V. Fortunato
Luca V. Fortunato
Nato con la 'penna' all'ombra del Colosseo, sono un aspirante giornalista, in procinto di diventare pubblicista grazie a La Quarta. Accanto alle cronache del mio Municipio, alterno le mie passioni per la musica e il calcio, scrivendo per alcune testate online (SuperNews e L'Isola che non c'era), senza dimenticare il mio habitat universitario. Lì ho conseguito una laurea triennale in Comunicazione a La Sapienza e scrivo per il mensile Universitario Roma. Frase preferita? "Scrivere è un ozio affaccendato" (Goethe).

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi