Lilo.org: la navigazione solidale portata in Italia da una quasi “montesacrina”

A3locLumiereSett
Arena Lumière : Cinema all’aperto in III Municipio Agosto-settembre
8 agosto 2017
23559485_1915112975473285_1645344102943159304_n
In Via Etna è cambiato il senso di marcia. Prestate attenzione.
15 novembre 2017
Remove-Lilo-org

Federica si trova in Francia per motivi di studio e ha voluto lanciare Lilo in Italia, partendo proprio dal Terzo Municipio dove ha parenti e amici

Remove-Lilo-org

“Le ricerche che ognuno di noi fa quotidianamente generano un guadagno pari a 30€ all’anno per i motori di ricerca e spesso le persone non ne sono a conoscenza. Partendo da questa consapevolezza, volevo impegnarmi in un’economia digitale che rimettesse parte dell’umano su internet. Mi piaceva l’idea che gli utenti potessero “riprendere potere” e decidere a cosa destinare i soldi che creano con le loro ricerche; e Lilo di certo segue questa filosofia!“. Federica, una giovanissima studentessa romana, ha conosciuto Lilo in Francia e lo ha recentemente lanciato, insieme agli ideatori, in Italia. Lilo è una piattaforma solidale. Funziona come Google e usa gli stessi algoritmi dei più grandi motori di ricerca. La differenza sostanziale è che ad ogni parola o frase digitata, l’utente guadagna una simbolica goccia d’acqua. Questa goccia potrà essere destinata ai vari progetti presenti su Lilo, divisi in categorie, come sanità, sociale, ambiente e cultura. Dopodiché Lilo provvederà a trasformare queste gocce in denaro per donarlo alle associazioni che hanno aderito. Sono gli utenti stessi quindi, a stabilire quale progetto sostenere, in modo gratuito e senza cambiare le proprie abitudini di ricerca su Internet. Il modello di Lilo nasce in Francia, ma ha un intento europeo e sta infatti approdando in Italia. I progetti italiani sono attualmente in crescita poiché dopo il lancio molte associazioni hanno manifestato l’intenzione di entrare a far parte di Lilo. Una iniziativa con basi solide e che in Francia è ormai una realtà consolidata. Non rimane altro che iniziare a navigare su www.lilo.it e fare del bene senza nemmeno rendersene conto!

Federica Capati
Federica Capati
Classe 1993, diploma scientifico, studentessa di Giurisprudenza all'Università la Sapienza di Roma. Dall'aprile 2016 collabora con il mensile La Quarta. Ama scattare foto, scrivere e viaggiare.

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi